download home I LIBRI DI MARIALUISA MORO

mercoledì 6 novembre 2013





"Lei mi aspetta, come sempre tirata a lucido, i tacchi a spillo e le scarpe a punta, le gambe snelle e muscolose sensualmente avvolte da calze velate nere. la gonna corta a tubino e una blusa nera scollata che scopre generosamente i seni recentemente rifatti. Sono il suo orgoglio, anche se da toccare non sono affatto sexy, con quella rigida gommosità  che ricorda i copertoni delle auto, ma non gliel'ho ancora detto e forse non vale la pena che glielo dica mai.
Mi guarda e sorride con la bocca tinta di rosso ciclamino e gli occhi sporgenti. Tutto sorride in lei; sa di avere vinto. E sa che farò quello che lei desidera.
Ho alternative migliori?
Mi trascina in camera da letto e comincia a spogliarsi. Il resto viene da sé."



Vecchio ragazzo mai cresciuto, avvocato che dimentica gli appuntamenti quando c'è di mezzo una donna, marito per caso, precocemente vedovo, padre inesistente di una figlia che non conosce, Piero indaga sul passato della moglie di cui scopre di non sapere niente. Dominato dalle pulsioni sessuali, perde la testa per un'avvenente studentessa senza scrupoli; un'ubriacatura che gli farà commettere degli errori fatali. 
Ma la vita non perdona e chi sbaglia paga.

Mi guarda e sorride con la bocca tinta di rosso ciclamino e gli occhi sporgenti. Tutto sorride in lei; sa di avere vinto. E sa che farò quello che lei desidera.
Ho alternative migliori?
Mi trascina in camera da letto e comincia a spogliarsi. Il resto viene da sé."


"Tenevo le mani aggrappate strette al volante per non lasciarle andare altrove.
Provavo un tale doloroso e impellente desiderio di lei da stare male e mi maledicevo per aver ceduto alla tentazione di essere tornato in quel luogo.
Adesso ti vai a mettere nei guai con una minorenne, idiota di un avvocato libidinoso.
Ma gli ormoni ribollenti mi ottundevano la ragione.
Lei mi sorrideva con la bocca, con gli occhi, con tutto il suo essere.
"Dove andiamo?- ho chiesto con una voce che non riconoscevo come mia, rauca e alterata
"A casa mia" - ha risposto con naturalezza.